Presentazione

Africa

3 ottobre 2005,
Madre Fabiola Detomi accompagna tre Suore nel Congo/Brazzaville, a Moukondo, nella periferia della città. Finalmente si concretizza il desiderio del Padre Fondatore di inviare le Suore in Africa! Una casa non ancora del tutto restaurata, le accoglie. Si constata subito che le due più grandi difficoltà saranno la mancanza di acqua e di corrente elettrica. Si trovano da subito, tuttavia, delle persone cordiali, che suggeriscono le cose più urgenti per la manutenzione della casa. Si trasforma il piccolo salone in cappella; il 7 ottobre, il vescovo di Brazzaville,mons Anatole Milandou, viene a benedirla. II 29 ottobre, 2005 ecco le prime giovani, sono otto, tutte animate da buona volontà. La casa è piccola, si fa la prima cena insieme stando in piedi, con i piatti in mano, non ci sono ancora sedie sufficienti…

I 3 novembre, 2005 festa di Nostra Signora del Suffragio, si festeggia in semplicità e allegria… II 18-08-2006 si presenta l’occasione per l’acquisto del terreno adiacente alla casa per una possibile costruzione. 21-11-2009, La nostra Famiglia Religiosa aumenta di numero: celebra, nella parrocchia “Santa Rita da Cascia”, la Professione Religiosa di 7 novizie congolesi. 25-09-2010: entrata in Noviziato di 3 giovani: M. José, Silvie, M. Teresa; Verranno seguite da altra 4: Veronique M., Mariane, Veronique K e Thèrese, il 25- 09-2011. Deo Gratis ! Per elevare il livello della dignità della donna, dal 2009, si stava pensando di trasformare la prima casetta in un centro di formazione dedicato a S. Zita, in cui ci fosse la possibilità per le giovani del quartiere, di imparare a leggere e scrivere, di fare taglio e cucito e ricevere altre nozioni utili soprattutto per la casa e per la famiglia. Oggi il piccolo centro esiste,è frequentato soltanto da ragazze, che a causa della povertà o per la non curanza delle famiglie, non hanno potuto iscriversi a nessuna scuola e, divenute grandi, vogliono imparare qualche cosa. Si favoriscono particolarmente le ragazze madri (in Africa il fenomeno è conosciutissimo), dando loro la possibilità di trovarsi a loro agio con qualunque persona. Si cerca di dare loro una formazione completa; si invitano degli esperti di varie discipline, qualche medico che dia loro lezioni di igiene sanitaria, sacerdoti disponibili a formare moralmente le giovani, affinché imparino a distinguere ciò che è bene e ciò che male e cosi difendersi. Quest’anno c’è stato un buon numero di iscrizioni, al momento sono più di cinquanta per l’alfabetizzazione e quaranta per taglio e cucito. Confidiamo nell’aiuto della Provvidenza e dei nostri amici per continuare l’opera e per munirla di quanto è necessario per un buon funzionamento che ci permetta di raggiungere gli obiettivi formulati. Ciò che è stato realizzato finora lo dobbiamo alla sensibilità di benefattori italiani che condividono i nostri ideali.

Frasi del Beato

Per pregare bene, pregate di cuore e col cuore

 Francesco Faà di Bruno